Pratiques religieuses, culture de la migration et imaginaires migratoires en Afrique subsaharienne: les contextes senegalais et guineens

Laye Camara

Abstract


Pratiche religiose, cultura migratoria e immaginario migratorio
nell’Africa sub-sahariana: i contesti senegalese e guineano
La combinazione di diversi fattori (storici, religiosi, politici, economici) fa sì che sempre più africani subsahariani considerino la migrazione un’alternativa alle molte difficoltà locali. In alcune comunità sub-sahariane, forgia una vera cultura della mobilità, predisponendole o supportandole nella formazione e nell’esecuzione del progetto di
migrazione. Tra questi fattori, l’articolo pone l’accento sulle pratiche religiose, nel loro ruolo di ispirazione, predisposizione e sostegno alla migrazione dei sub-sahariani, in particolare senegalesi e guineani. Si tratta di pratiche, credenze e altri rituali religiosi che interagiscono con il progetto e l’atto migratorio come un vero “ammortizzatore” che riduce l’intensità e l’impatto di molteplici “shock” legati alla migrazione. Il ricorso dei migranti e delle loro famiglie a pratiche religiose rafforza e modula il progetto migratorio al fine di anticipare e / o meglio accogliere le difficoltà derivante dall’incontro tra l’immaginario e la realtà migratoria.


Religious practices, migratory culture and migratory imagery
in sub-Saharan Africa: the Senegalese and Guinean contexts
The combination of different factors (historical, religious, political, economic) means that more and more Sub-Saharan Africans consider migration as an alternative to the many local difficulties. In some Sub-Saharan communities the combination forge a true culture of mobility, predisposing and supporting the formation and the execution of the migration project. Among these factors, the article focuses on religious practices in their role of inspiration, predisposition and support to the migration of Sub-Saharans, especially Senegalese and Guineans. These practices, beliefs and other religious rituals, interact with the project and with the migratory act as a real “shock absorber” that reduces the intensity and the impact of multiple “shocks” related to migration.
The use of religious practices strengthens and modulates the migration project to anticipate and / or to better accommodate the shock due to the intersection between the imaginary and the migratory reality.


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

DIREZIONE

Riccardo Morri  (Direttore, Sapienza Università di Roma)

Floriana Galluccio (Condirettrice, Università degli Studi di Napoli L'Orientale)

Marco Maggioli (Condirettore, Libera università di lingue e comunicazione IULM di Milano)

Petros Petsimeris (Condirettore, Université Paris I Panthéon-Sorbonne)

 

 

COMITATO SCIENTIFICO

Tiziana Banini (Sapienza Università di Roma), Giovanni Calafiore (Sapienza Università di Roma), Francesco M. Cardarelli (Consiglio Nazionale delle Ricerche), Flavia Cristaldi (Sapienza Università di Roma), Joe T. Darden (Michigan State University), Gino De Vecchis (Sapienza Università di Roma), Paolo Di Giovine (Sapienza Università di Roma), Lila Leontidou (Hellenic Open University), Rubén Camilo Lois González (Universidad de Santiago de Compostela), Claudio Minca (Macquarie University - Australia), Cosimo Palagiano (Accademia Nazionale dei Lincei), Giovanni Paoloni (Sapienza Università di Roma), Emanuele Paratore (Sapienza Università di Roma), Cristiano Pesaresi (Sapienza Università di Roma), Lidia Piccioni (Sapienza Università di Roma), Luca Romagnoli (Sapienza Università di Roma), Luca Serianni (Sapienza Università di Roma), Alberto Sobrero (Sapienza Università di Roma)


COMITATO DI REDAZIONE

Sandra Leonardi (Responsabile, Sapienza Università di Roma), Massimo Blanco, Monica De Filpo, Franco Fatigati, Armando Finocchi, Simona Mancini


COMITATO DEI REFEREE

Raffaella Afferni, Claudio Arbore, Caterina Barilaro, Marina Bertoncin, Simone Betti, Elisa Bignante, Edoardo Boria, Giuseppe Borruso, Gianluca Casagrande, Renzo Carlucci, Filippo Celata, Adriana Conti Puorger, Roberta Curiazi, Annalisa D'Ascenzo, Elena Dai Prà, Pierpaolo Faggi, Fabio Fatichenti, Claudio Ferrata (Svizzera), Floriana Galluccio, Emanuela Gamberoni, Carlo A. Gemignani, Cristiano Giorda, Sandra Leonardi, Ilda Mannino, Alessia Mariotti, Carla Masetti, Ivo Mattozzi, Gàbor Michalkò (Ungheria), Gabriela Osaci-Costache (Romania), Áine O'Healy (Stati Uniti d'America), Andrea Pase, Daniela Pasquinelli d'Allegra, Antonella Pietta, Fabio Pollice, Carlo Pongetti, Paola Pressenda, Matteo Puttilli, Viviana Re, Andrea Riggio, Giuseppe Rocca, Leonardo Rombai, Caterina Romeo, Elisabetta Rosa, Tania Rossetto, Massimo Rossi, Maria Cristina Salvatore, Franco Salvatori, Paolo Sellari, Silvia Siniscalchi, Rosario Sommella, Stefano Soriani, Luisa Spagnoli, Barbara Staniscia, Luigi Stanzione, Michele Stoppa, Monica Cristina Storini, Massimiliano Tabusi, Marcello Tanca, Anna Trono, Caterina Tuci, Mauro Varotto, Bruno Vecchio, Charles W.J. Withers (Regno Unito), Sergio Zilli

 

Rivista di geografia della Facoltà di Lettere e Filosofia della "Sapienza Università di Roma" (periodico di proprietà dell'Ateneo), edita dal 1988 ed erede delle Pubblicazioni dell’Istituto di Geografia edite dal 1931

Copyright © 2013 Sapienza Università di Roma – Roma


ISSN 1125-5218