Evoluzione politica, nomadismo e contraddizioni dello sviluppo in Mongolia

Maurizio Scaini

Abstract


La difficoltà di comprensione di civiltà lontane è sintetizzata dal numero
di metafore elaborate da quanti si sono cimentati nell’argomento.
La metafora, come noto, è un’immagine volutamente incompleta ed evocativa. Quando riesce, però, ha il pregio di sintetizzare i luoghi comuni
che condizionano le conclusioni dell’osservatore esterno e i problemi ancora da risolvere.
Se poniamo la nostra attenzione al territorio che convenzionalmente
definiamo con il termine di Asia centrale, una delle metafore più  suggestive è quella che lo paragona a un Oceano costituito da pianure, intervallate da rilievi ondulati, che si estende dalle foreste siberiane del nord est fino alla puzda ungherese e le cui onde sono stati i popoli che si sono susseguiti nei secoli. I confini simbolici di questo insieme possono essere naturali, come l’Himalaya o il Mar Caspio, o artificiali, come la
Grande Muraglia. La loro costruzione, la perdita repentina di significato
simbolico e il loro superamento, indicano bene la spinta propulsiva delle
civiltà interessate, il livello tecnologico a disposizione in un determinato
momento storico e le vicissitudini politiche intervenute. Generalmente, chi studia l’Asia Centrale segue due vie: o si concentra su un gruppo etnico preminente (gli Unni, i Mongoli, i Turchi), e lo segue attraverso i suoi  spostamenti, magari allargando l’attenzione a gran parte dell’Eurasia, come nel caso dei Turchi, oppure si dedica a una regione considerando le popolazioni che vi hanno vissuto. In ambedue i casi è necessario considerare gli stereotipi presenti nel racconto metaforico di riferimento che inevitabilmente alterano la realtà e riducono le possibilità interpretative di chi studia.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13133%2F1125-5218%2F326

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

DIREZIONE

Riccardo Morri  (Direttore, Sapienza Università di Roma)

Floriana Galluccio (Condirettrice, Università degli Studi di Napoli L'Orientale)

Marco Maggioli (Condirettore, Libera università di lingue e comunicazione IULM di Milano)

Petros Petsimeris (Condirettore, Université Paris I Panthéon-Sorbonne)

 

 

COMITATO SCIENTIFICO

Tiziana Banini (Sapienza Università di Roma), Giovanni Calafiore (Sapienza Università di Roma), Francesco M. Cardarelli (Consiglio Nazionale delle Ricerche), Flavia Cristaldi (Sapienza Università di Roma), Joe T. Darden (Michigan State University), Gino De Vecchis (Sapienza Università di Roma), Paolo Di Giovine (Sapienza Università di Roma), Lila Leontidou (Hellenic Open University), Rubén Camilo Lois González (Universidad de Santiago de Compostela), Claudio Minca (Macquarie University - Australia), Cosimo Palagiano (Accademia Nazionale dei Lincei), Giovanni Paoloni (Sapienza Università di Roma), Emanuele Paratore (Sapienza Università di Roma), Cristiano Pesaresi (Sapienza Università di Roma), Lidia Piccioni (Sapienza Università di Roma), Luca Romagnoli (Sapienza Università di Roma), Luca Serianni (Sapienza Università di Roma), Alberto Sobrero (Sapienza Università di Roma)


COMITATO DI REDAZIONE

Sandra Leonardi (Responsabile, Sapienza Università di Roma), Massimo Blanco, Monica De Filpo, Franco Fatigati, Armando Finocchi, Simona Mancini


COMITATO DEI REFEREE

Valentina Albanese, Raffaella Afferni, Claudio Arbore, Caterina Barilaro, Marina Bertoncin, Simone Betti, Elisa Bignante, Edoardo Boria, Giuseppe Borruso, Gianluca Casagrande, Renzo Carlucci, Filippo Celata, Adriana Conti Puorger, Roberta Curiazi, Annalisa D'Ascenzo, Elena Dai Prà, Pierpaolo Faggi, Fabio Fatichenti, Claudio Ferrata (Svizzera), Floriana Galluccio, Emanuela Gamberoni, Carlo A. Gemignani, Cristiano Giorda, Sandra Leonardi, Ilda Mannino, Alessia Mariotti, Carla Masetti, Ivo Mattozzi, Gàbor Michalkò (Ungheria), Gabriela Osaci-Costache (Romania), Áine O'Healy (Stati Uniti d'America), Andrea Pase, Daniela Pasquinelli d'Allegra, Antonella Pietta, Fabio Pollice, Carlo Pongetti, Paola Pressenda, Matteo Puttilli, Viviana Re, Andrea Riggio, Giuseppe Rocca, Leonardo Rombai, Caterina Romeo, Elisabetta Rosa, Tania Rossetto, Massimo Rossi, Maria Cristina Salvatore, Franco Salvatori, Paolo Sellari, Silvia Siniscalchi, Rosario Sommella, Stefano Soriani, Luisa Spagnoli, Barbara Staniscia, Luigi Stanzione, Michele Stoppa, Monica Cristina Storini, Massimiliano Tabusi, Marcello Tanca, Anna Trono, Caterina Tuci, Mauro Varotto, Bruno Vecchio, Charles W.J. Withers (Regno Unito), Sergio Zilli

 

Rivista di geografia della Facoltà di Lettere e Filosofia della "Sapienza Università di Roma" (periodico di proprietà dell'Ateneo), edita dal 1988 ed erede delle Pubblicazioni dell’Istituto di Geografia edite dal 1931

Copyright © 2013 Sapienza Università di Roma – Roma


ISSN 1125-5218